Rapina a Susa, qualche sera fa, in pieno centro storico.  Un uomo, in orario di chiusura, con il volto coperto da una sciarpa e con in mano un grosso coltello da cucina, è entrato in una tabaccheria e ha minacciato la titolare: “Stai ferma e non ti accadrà nulla”. Poi si è avvicinato alla cassa e , dopo aver rubato 100 euro, si è dileguato.

Il “rifugio” del rapinatore

Sabato 4 novembre i carabinieri della Compagnia di Susa hanno individuato e arrestato l’autore della rapina. Si tratta di Khalid  Haddasi, 41 enne di origine marocchina, senza fissa dimora. Subito dopo la rapina, le ricerche dei militari si sono concentrate sulle probabili vie di fuga ed in particolare nelle vie che portano alla Stazione Ferroviaria del paese. Proprio all’interno della Stazione è stata scovata una vera e propria “tana”, ovvero un vecchio rudere abbandonato in prossimità dei binari, dove viveva e si nascondeva Haddasi . All’interno del tugurio solamente un materasso e alcuni coltelli, tra i quali, probabilmente, quello usato per consumare il reato. L’uomo, aveva ancora indosso i vestiti usato poco prima per la rapina, compresa la sciarpa  ed è stato arrestato e portato in carcere a Torino. E’ emerso che il rapinatore era uscito dal carcere di Foggia a inizio ottobre, sempre per rapina.