Il 13 giugno, ad Alpignano la prima delle serate della settima edizione della rassegna.

 

Ritorna in Val Sangone, come da sette anni a questa parte, il Festival Nazionale dedicato a Pirandello. Un’iniziativa voluta e promossa da Lingua Doc, di cui è direttore artistico Giulio Graglia, nata per omaggiare lo scrittore e drammaturgo e la sua visita a Coazze. Il premio Nobel vi trascorse nel 1901 un periodo dalla sorella Lina, rimanendo molto colpito delle tradizioni, dal paesaggio e dall’atmosfera che lo accolsero, tanto da citare questa sua esperienza in varie opere. Il successo della prima edizione della rassegna ha spinto l’organizzazione a ripeterlo fino ad arrivare alla settima edizione di quest’anno che, oltre a Torino, Giaveno e Coazze, per la prima volta sarà ospitata anche ad Alpignano. Proprio ad Alpignano verrà dato l’onore di inaugurarlo in valle, con la rappresentazione di “Gioventù” stasera, 13 giugno, alle ore 21, al Museo della lampadina A.Cruto (via Matteotti, 2; ingresso gratuito).

Luigi_Pirandello

Un’opera che ha come tema principale il coinvolgimento emotivo dei giovani, e sarà messa in scena con letture (voci narranti : Sara Comoletto e Domenico Brioschi) intervallate da interventi musicali di Diego Mingolla. Inevitabilmente “young” rimanda al mondo giovanile, qui rappresentato in tutte le sfaccettature, e Gioventù – tra l’altro una delle novelle più suggestive scritte da Pirandello  – prevede anche per il Festival  una declinazione ad hoc con un sottotitolo particolare: From Teen to Ty (dai 13 anni in su).  Il festival tornerà ad Alpignano il 18 luglio con la messa in scena de “La paura e l’attesa” e infine il 17 ottobre con l’esibizione della Pirandello Jazz, che, così come l’anno scorso, andrà a chiudere questa edizione. L’altra tappa in valle sarà l’11 luglio a Villa Prever di Coazze, dove verrà inscenata “la voix humaine”, opera scritta nel 1958 dal francese Poulenc tratta dal testo di Jean Cocteau. Da segnalare la collaborazione con il “Teatro delle dieci” e la presenza del premio letterario Giovanni Graglia e di Sabrina Gonzatto, per un’opera che va ad inserirsi nel programma dell’evento “Torino incontra la Francia”. I prezzi dei biglietti variano dai 10 euro per l’intero, agli 8 euro per i gruppi oltre le dieci persone e per i ridotti (under 26, over 65 e abbonati al teatro stabile). Per informazioni e prevendite si possono chiamare i numeri 3471781715 – 3356299996 oppure scrivere una mail all’indirizzo info@linguadoc.it .

Federico Caminiti