eydallinSabato 22 giugno, nell’ambito dei festeggiamenti di San Giovanni Battista, Sauze d’Oulx ha celebrato il suo campione, il Primo Caporal Maggiore degli Alpini, in forza al Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Matteo Eydallin, sci alpinista di rango che continua a mietere successi ed allori sia a livello nazionale che internazionale. Anche quest’anno, l’atleta altovalsusino ha lasciato il segno andando a vincere il prestigioso Trofeo Mezzalama, in squadra con Manfred Reichegger e Damiano Lenzi. Ad introdurre la serata in onore del 27enne atleta di Sauze d’Oulx è stato il sindaco Mauro Meneguzzi, che ha avuto parole di elogio dettate per lo più dall’emozione. “Mi vengono i brividi parlando di Matteo a cui dobbiamo dire grazie per quello che ha fatto fin qui, le sue performance ci commuovono sempre e ci rendono orgogliosi”. Quindi è stato proiettato il filmato del Mezzalama, il cui patron, Adriano Favre, ha dialogato con il nostro atleta cercando di spiegare al pubblico presente nella sala stracolma del Teatro d’Ou) alcune sfaccettature dell’importante gara valdostana, che tocca più volte quota 4.000 metri e che ha presentato al via ben 300 squadre composte da tre atleti ciascuna, per un totale di 900 concorrenti. Davvero suggestiva la partenza in notturna, alle 5 del mattino. Eydallin, come sempre, si espresso in maniera gentile ma a volte bizzarra com’è nel suo stile, sprigionando simpatia, dimostrando grande umiltà e, se ce ne fosse ancora bisogno, ha dato a vedere la sua stazza di vero sportivo e grande appassionato della montagna. Insomma, un grande campione, sotto tutti i punti di vista! A ricordare alcune delle sue più importanti prestazioni agonistiche di questi ultimi anni è stato il responsabile del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese, Dario Jannon.

Il due-volte campione del mondo di sci alpinismo 2011 sulle nevi friulane di Claut, in provincia di Pordenone (nella prova a squadre in coppia con Denis Trento e nella staffetta insieme a Manfred Reicheggere, Robert Antonioli e Denis Trento) si è poi soffermato a firmare autografi ed a regalare le foto di quei trionfi durante l’apericena in suo onore, offerta a tutti i presenti in piazza Assietta. Presenti alla festa anche i fratelli Besson, Piero Gros e Alberto Casse.

Matteo Eydallin, ha così concluso una stagione davvero esaltante (forse la migliore di sempre) in cui ha portato a casa tre titoli italiani, ben quattro podi in Coppa del Mondo, l’argento ai Mondiali Assoluti e due ori ai Mondiali Militari, la Coppa delle Dolomiti e la Coppa Italia.

CLAUDIO TESCARI