Comunicato Stampa

LUPO_RECUPERATO_A_PRAGELATO_07_02_2015_4_rLa giovane Lupa femmina, con la zampa anteriore destra lievemente ferita, soccorsa lo scorso 7 febbraio ad Usseaux, in Val Chisone, torna in libertà per raggiungere il proprio branco di appartenenza.

La Lupa di 15kg era stata recuperata nel pomeriggio di sabato dagli agenti faunistico-venatori del Servizio di Tutela della Fauna e della Flora della Città Metropolitana di Torino, con la collaborazione del personale di vigilanza dell’Azienda Faunistico-Venatoria dell’Albergian, a seguito della segnalazione al 118, di un automobilista di passaggio sulla Strada Regionale 23 del Sestriere, in prossimità del bivio per la borgata Laux del comune di Usseaux.

Sfinito, spaventato, sottopeso e lievemente ferito a una zampa, forse a causa dell’impatto con una vettura, l’animale è stato portato immediatamente al Centro animali non convenzionali (CANC) dell’Università di Torino. La visita veterinaria ha accertato che la giovane Lupa, denutrita e molto affamata, non era in pericolo di vita e in condizioni stabili.

La giovane Lupa, curata e sfamata, è pronta a tornare in libertà: il rilascio avverrà venerdì 13 febbraio, in un luogo sicuro e favorevole, da cui l’animale potrà raggiungere facilmente il suo branco di appartenenza, quello appunto che gravita nella Val Chisone. L’operazione di rilascio vedrà la partecipazione di più enti e operatori: in primis il CANC e poi tutti gli Enti che, coordinati, hanno gestito questa situazione di emergenza: il Corpo Forestale dello Stato, l’ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie, l’Azienda Faunistico-Venatoria dell’Albergian, con la consulenza dei referenti scientifici del Progetto LIFE WOLFALPS.

Le abbondanti nevicate della scorsa settimana hanno reso molto difficile la vita della fauna selvatica di montagna: spostarsi e sfamarsi quando al suolo cade oltre un metro di neve fresca è un’impresa faticosissima e debilitante. Decine di caprioli, camosci e altri animali sono così scesi a quote più basse per approfittare delle strade pulite dalla neve, delle piste battute e, in generale, delle condizioni più favorevoli offerte dalle zone abitate.

Anche alcuni esemplari di lupo hanno vinto la loro proverbiale diffidenza, facendosi sorprendere dagli automobilisti, dagli obiettivi di turisti e curiosi, in particolare lungo il fondovalle dell’alta Val Chisone. Grazie ai numerosi e tempestivi interventi di agenti e volontari, i lupi si sono rapidamente allontanati dalle strade e dagli abitati più prossimi.

Ente di Gestione delle aree protette delle Alpi Cozie
Partner di progetto LIFE WOLFALPS