L’ente di Valle parte “zoppo”, senza la minoranza “Siamo disposti a tornare in Comunità  Montana, se il tutto non sarà  pi๠incentrato sulla Tav. Non vogliamo che l’unico oggetto del dibattito nel nuovo ente sia la Torino : Lione. Anzi, vogliamo che non se ne parli proprio, perché devono essere i Comuni ad occuparsene. Se la linea di Plano cambierà , noi torneremo a lavorare insieme, per il bene della Comunità  Montana unica. Siamo pronti anche a lavorare insieme per lo statuto, se l’atteggiamento cambierà “. Lo dice con chiarezza il capogruppo di minoranza degli amministratori di centrodestra Franco Capra, dopo l’assenza dei rappresentanti di 19 Comuni del territorio, da Sestriere fino a Giaveno, alla prima seduta della Comunità  Montana di Val Susa e Val Sangone. In Comunità  Montana Alta Valle, durante gli ultimi cinque anni di Mauro Carena presidente, le uscite di scena della minoranza o le non partecipazioni erano già  avvenute alcune volte.

Approfondimento a cura di F. Tanzilli su La Valsusa n°3 di giovedì 21 gennaio 2010 LA nuova comunità montana