-Ufficio stampa Valsusa Filmfest-

VENERDI’ 20 febbraio alla Sede C.A.I. piazza Colombatti 14, Giaveno (TO), il XVII Cinema in Verticale ha presentato Prima SERATA TRENTO FILM FESTIVAL, proiezione di una selezione di 4 opere presentate nell’ultima edizione del Trento Film Festival:

“Loslassen” di Franz Walter (Germania),
“La lampe au beurre de yak” di Hu Wei (Francia),
Mountains will move” di Douglas McCann (USA),
“Mezzalama marataona di ghiaccio” di Angelo Poli (Italia) 

Mezzalama marataona di ghiaccio

Mezzalama marataona di ghiaccio

La storica collaborazione con il Trento Film Festival si concretizzerà quest’anno con l’organizzazione due serate nel corso delle quali verranno proiettati otto dei più bei filmati presentati nel corso dell’ultima edizione, la 62a, del rinomato festival. Due eventi imperdibili per tutti gli appassionati di montagna e del cinema che la rappresenta con due intense serate di emozioni verticali con video-documentari che raccontano incredibili imprese ed eccezionali storie di vita.

Il primo appuntamento si è svolto venerdì 20 febbraio dalle ore 21 nella Sede C.A.I. di Giaveno con le proiezioni di “Loslassen” di Franz Walter (Germania), “La lampe au beurre de yak” di Hu Wei (Francia), “Mountains will move” di Douglas McCann (USA) e “Mezzalama marataona di ghiaccio” di Angelo Poli (Italia).
Il secondo appuntamento si svolgerà sabato 28 febbraio dalle ore 21 nel Salone Polivalente di San Giorio di Susa con le proiezioni di “High Tension” di Zachary Barr (USA), “Spice Girl” di Peter Mortimer (USA), “Chiedilo a Keinwunder” di Carlo Cenini e Enrico Tavernini (Italia) e “35” di Nasa Koski, Austin Siadak, Matt Van Biene (USA) 

SINOSSI DEI FILM PRESENTATI IL 20 FEBBRAIO 

“Loslassen”
di Franz Walter  |  Germania, 2013 – 23’  |  Sezione Alp&Ism al 62° Trento Film festival
Esposizione, sfide, grandi pareti, aria sottile: questo è il mondo dell’alpinista svizzero Roger Schäli. La sua vita è vissuta in verticale, in un luogo dove lasciarsi andare significa anche riuscire a procedere. Il film racconta la salita all’Arwa Spire, la cima indiana raggiunta da Roger nel 2002, dove, nel maggio 2011, il cameraman Daniel Ahnen è morto scivolando in un crepaccio. Nel 2012 Roger chiude il cerchio tornando sulla montagna con Simon Gietl, e lasciando sulla cima un memoriale in ricordo dell’amico.

“La lampe au beurre de yak”
Di Hu Wei  |  Francia, 2013 – 16′  |  Premio miglior cortometraggio 62° Trento Film festival
Un giovane fotografo ambulante propone ad alcuni nomadi tibetani di realizzare un servizio fotografico davanti a una selezione di curiosi fondali.

“Mountains will move”
di Douglas Mc Cann  | USA, 2013 – 25’  | Sezione Alp&Ism al 62° Trento Film festival
All’ombra delle vette più alte dell’Africa una nuova generazione di ragazze tanzaniane lotta per vincere la povertà e la disuguaglianza. Dall’altra parte del mondo, un gruppo di adolescenti australiane propone di raccogliere fondi e sensibilizzare alla solidarietà attraverso una nuova sfida verticale. Ciò che nasce come un’occasione per dare una mano si trasforma in un viaggio per due gruppi di giovani donne, che camminano fianco a fianco verso la cima di una delle montagne più alte dell’Africa, il Monte Meru.

Mezzalama maratona di ghiaccio
di Angelo Poli  |  Italia, 2013 – 45’  | Sezione Alp&Ism al 62° Trento Film festival 2014
Premio “Lorenzo Lucianer” al Miglior reportage televisivo 2014

Nel 2013 il Monte Everest è stato sotto le luci della ribalta in tutto il mondo per la delicata vicenda che ha visto protagonisti Ueli Steck e Simone Moro, una delle più forti cordate al mondo, attaccati da una folla di sherpa inferociti al Campo 2. L’incidente ha scatenato una raffica di polemiche: sherpa, alpinisti occidentali, società di guide alpine, la montagna stessa sono state oggetto di pesanti critiche. Il film offre uno sguardo esclusivo su quello che è successo quel giorno, e perché.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – 

“Cinema in Verticale” è una rassegna sul cinema e la cultura di montagna che viene organizzata dall’associazione Gruppo 33 di Condove come anteprima del Valsusa Filmfest, festival sul recupero della memoria storica e sulla difesa dell’ambiente la cui XIX edizione si svolgerà nel mese di aprile 2015; il programma è online in www.valsusafilmfest.it