“Vivere con serietà le proprie responsabilità personali a livello personale, familiare, sociale, nella comunità parrocchiale affinché il messaggio della Pasqua porti quei di frutti di riconciliazione, di perdono, di giustizia e di solidarietà che sentiamo necessari in questo momento particolare della ricostruzione post-sisma che tarda a realizzarsi ma che può dipendere anche dalla nostra buona volontà e dal nostro impegno”. È l’esortazione che l’arcivescovo di Spoleto-Norcia, mons. Renato Boccardo ha rivolto ai fedeli che la sera  di venerdì 23 marzo  hanno partecipato, a Norcia, alla Via Crucis promossa dal Vicariato dei Sibillini. Il rito si è svolto negli insediamenti “Sae” (soluzioni abitative provvisorie) della zona industriale della cittadina umbra dove vivono attualmente circa 240 famiglie terremotate.

© Riproduzione riservata