La vita di undici ebrei, tra il ’44 e il ’45, venne protetta e salvata da alcuni cittadini santantoninesi che si presero cura di loro.

A far uscire la vicenda dal dimenticatoio in cui rischiava di sprofondare è stata l’Unitre di S.Antonino che ieri, mercoledì 28 novembre, ha organizzato la conferenza su: Salvatori e salvati. Testimonianza e memoria del salvataggio da parte di cittadini santantoninesi di ebrei sfollati da Torino tra il 1944 e il 1945”, con la sindaca Susanna Preacco, il presidente Unitre Piero Del Vecchio e il consigliere della Comunità ebraica di Torino Franco Segre.

In serata, nel corso del consiglio comunale, c’è stato il riconoscimento della cittadinanza benemerita ad Avventino Burdino e Cesarina Martin, Luigina Rossetto Giaccherino e Letizia Fobini, protagonisti delle azioni di salvataggio e di solidarietà verso gli ebrei durante la guerra.

Articolo completo su La Valsusa del 29 novembre.

Bruno Andolfatto

© Riproduzione riservata