È un capo segusino il nuovo responsabile della Zona Scout Valsusa, eletto circa un mese fa dai membri delle nove comunità capi (Bardonecchia, Susa, Bussoleno, S.Antonino, Condove, Almese, S.Ambrogio, Avigliana e Ferriera) e che è andato ad affiancare la responsabile già in carica da tre anni, Eleonora Marchioni, del gruppo di Sant’Antonino. Lui è Michele Pelissero, classe ’82, “della generazione di Antonio Cassano”, commenta. Di professione programmatore, sposato con Maia Justesen (altra capo scout), attualmente è capogruppo del Susa 1° con Irene Bologna. Lo abbiamo incontrato per fare il punto sullo scoutismo valsusino. Partiamo dalle cifre: quanti sono i capi e gli scout in Valle di Susa? “I ragazzi, maschi e femmine, dai lupetti salendo fino al clan, sono circa 700. I capi sono 126. Sono numeri giusti: non si abbonda, ma neanche si registrano problemi di copertura nelle varie unità. Devo dire che in questo momento, proprio a livello di capi, siamo una zona molto giovane, con tanti responsabili al primo anno in Comunità Capi, mentre ci manca un po’ la fascia dei trentenni…Però siamo in regola anche grazie ad un progetto di collaborazione tra le varie Co.Ca., che parte dai Clan e che funziona da alcuni anni, con i rover e le scolte che possono fare servizio nei gruppi dove c’è necessità”. Articolo completo su La Valsusa del 26 aprile.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata