Gli esami di maturità sono ufficialmente iniziati per 715 studenti della Valle di Susa e della Val Sangone e, come da tradizione, la colonna sonora di questo importante momento della vita non può che essere “Notte prima degli esami” di Antonello Venditti, l’inno che, dall’ormai lontano 1984, culla con le sue note generazioni di maturandi pronti a sostenere l’esame che segnerà il loro passaggio all’età adulta. La notte che precede la prima prova, si sa, è un momento magico in cui ogni studente prova emozioni diverse: c’è chi la trascorre con gli amici di una vita, chi tenta il ripassone dell’ultimo minuto, chi dorme e chi, invece, fa baldoria fino a tardi. Ciò che conta è vivere l’attesa del tanto temuto esame con la giusta dose di ansia e serenità, con la certezza che qualcosa accomuna tutti i maturandi: la voglia di crescere e, anche se con un po’ di precoce nostalgia, la voglia di lasciarsi alle spalle la scuola per intraprendere un nuovo percorso, la voglia di sentirsi – forse per la prima volta – finalmente liberi, ma soprattutto la consapevolezza che, anche da adulti, si porterà sempre con sé una piccola parte della persona che si è a 19 anni, in quella speciale notte prima degli esami.

Valsusa Giovani vi aspetta in edicola con La Valsusa del 21 giugno.

Alessia Taglianetti

 

© Riproduzione riservata