È stato pubblicato nei giorni scorsi e scadrà giovedì 28 settembre il bando per partecipare al Servizio civile (nazionale e universale) che prevede, tra gli altri, il finanziamento di 32 progetti presentati dalla Città metropolitana di Torino e da vari enti e associazioni della nostra provincia. In totale, la sola Città Metropolitana ha messo a disposizione 128 posti. Di questi, 124 volontari saranno impiegati per un anno intero in 31 progetti di Servizio civile nazionale, mentre per quattro volontari ci sarà la possibilità di partecipare, per dieci mesi, a un progetto sperimentale di Servizio civile universale.

I settori di interesse dei progetti sul territorio metropolitano in cui opereranno i volontari saranno i seguenti: ambiente, assistenza, educazione e promozione culturale, patrimonio artistico e culturale, protezione civile. Per tutti i progetti è previsto un rimborso mensile di 433,80 euro. Per poter partecipare a uno (e uno soltanto) dei bandi è necessario avere compiuto 18 anni e non avere superato i 28 (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda; essere cittadini italiani o cittadini di uno dei Paesi dell’Unione Europea o, ancora, cittadini non comunitari ma con regolare permesso di soggiorno e non avere riportato condanne penali. Le domande di partecipazione vanno indirizzate direttamente all’ente che realizza il progetto prescelto e devono giungere entro le ore 23,59 del  28 settembre 2018 (entro le ore 18 per la consegna a mano). L’elenco dei progetti, le informazioni dettagliate e la modulistica sono disponibili sul sito internet della Città Metropolitana:

http://www.cittametropolitana.torino.it/cms/politiche-sociali/servizio-civile/bando-20-agosto-2018

Per quanto riguarda  le nostre zone, si segnalano quattro posti disponibili al Comune di Alpignano (due per ciascuno dei due differenti progetti promossi dall’ente locale); due posti al Comune di Giaveno; due all’Istituto “Des Ambrois” di Oulx; due al Comune di Sant’Antonino; due al Comune di Almese; sempre due al Comune di Condove; uno al Comune di Caprie; uno al Comune di Villar Focchiardo; uno al Comune di Vaie; ben nove (divisi fra Susa, Sant’Antonino e Avigliana) presso il Con. I.S.A., il consorzio che gestisce la socioassistenza in Valle di Susa. Gli Aib di Bussoleno offrono due posti; la cooperativa sociale “Quadrifoglio Due” cerca sei volontari (due per Sant’Antonino, due per Susa e altrettanti per Asti); due posti sono disponibili ad Avigliana, grazie all’associazione Merope Onlus; la cooperativa sociale “La Mimosa” offre un posto ad Avigliana e uno a Villar Dora. Quattro posti sono disponibili alla “Piazzetta” di Giaveno.

Il comitato locale di Giaveno della Croce Rossa Italiana, infine, mette a disposizione un totale di otto posti per due progetti, che prevedono l’impiego nelle attività di trasporto Sanitario di persone anziane e malate, la possibilità di svolgere attività di soccorso urgente e iniziative di prenotazione e gestione delle richieste socio assistenziali. Con finalità simili, la Cri di Susa mette a disposizione sei posti.

Ulteriori informazioni sui progetti possono essere reperite al seguente indirizzo internet: http://www.volontariatotorino.it/approvate-le-graduatorie-dei-progetti-di-servizio-civile-2018/

 

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata