L’Ente Aree Protette delle Alpi Cozie, con il patrocinio della Regione Piemonte, della Città Metropolitana di Torino e del Comune di Fenestrelle, e la collaborazione dell’Associazione Progetto San Carlo Forte di Fenestrelle organizzano, insieme al Servizio pianificazione e gestione rete ecologica, aree protette e vigilanza ambientale della Città Metropolitana di Torino, propongono il convegno “Tra cane e lupo: problematiche, sicurezza e prevenzione” per sabato 15 settembre, presso il Forte di Fenestrelle.

La partecipazione all’evento è gratuita, ma l’iscrizione obbligatoria entro lunedì 10 settembre a causa del numero limitato di posti a disposizione. Per iscriversi è possibile scrivere a segreteria.alpicozie@ruparpiemonte.it     oppure telefonare allo 0122/854720. Modera la giornata il guardiaparco Luca Giunti. Il programma prevede alle ore 9 accoglienza e registrazione dei partecipanti; ore 9,30 saluti delle autorità Michel Bouquet, sindaco di Fenestrelle, Stefano Daverio, presidente Ente Aree Protette Alpi Cozie, Marco Marocco, vicesindaco Città Metropolitana di Torino, Alberto Valmaggia, assessore Ambiente Regione Piemonte.

Il programma nel dettaglio

Ore 10 “La popolazione di lupo sulle Alpi: monitoraggio, gestione e comunicazione nell’ambito del Progetto Life” a cura di Francesca Marucco, responsabile scientifica del progetto LifeWolfAlps; ore 10,20 domande del pubblico. Ore 10,40 “Risorse trofiche e possesso del territorio: similitudini e differenze fra lupi e cani selvatici”, Andrea Gallizia, medico veterinario e coordinatore scientifico Pwe – Cseba Teramo. Ore 11 coffee break. Ore 11,30 “Misure del PSR 2014-2020 della Regione Piemonte a supporto e per la prevenzione dei danni da canidi (efficacia e limiti)”, Igli Signori, funzionario tecnico della Direzione Agricoltura della Regione Piemonte; ore 11,50 “La mitigazione del conflitto lupo-zootecnia, tra innovazione tecnologica e best practices”, Duccio Berzi, dottore forestale, libero professionista; ore 12,10 “Convivenza possibile? La voce di alcuni allevatori trentini”, Bruno Viola, presidente dell’associazione per la Difesa del Patrimonio Zootecnico dai Grandi Predatori; ore 12,30 “Predisposizione naturale del cane da pecora abruzzese alla protezione del gregge”, Andrea Gallizia, Medico Veterinario e Coordinatore scientifico Pwe – Cseba Teramo e Francesca Trenta, Coordinatrice Pwe-Cseba; ore 12,50 “Progetto Pasturs: volontari in aiuto ai pastori”, Mauro Belardi; ore 13,10 “Dall’Appennino alle Alpi: guardiani millenari nella contemporaneità”, Valter Grossi, Circolo del Pastore Maremmano Abruzzese -Responsabile Cpma Settore Lavoro. Ore 13,30 pranzo a buffet con valorizzazione piatti e prodotti tipici. Ore 14,40 “Sanità Pubblica: l’attività del veterinario sul campo per l’accertamento di predazioni, avvelenamenti e morsicature ”, Mauro Bruno, servizio veterinario ASL TO3; ore 15 “Il cane da protezione in alpeggio: opportunità e problemi”, Silvia Dalmasso, Medico Veterinario, Dottore di Ricerca, Specialista in Etologia Applicata e Benessere Animale, consulente per le Aree Protette Alpi Cozie; ore 15,20 “Almo Nature per il Lupo”, Pier Giovanni Capellino, Almo Natura -Fondazione Capellino; ore 15,40 “Ecoturismo Lupo”, Alice Delmonego, Malga Riondera (Trento); ore 16 “Cosa mi porto a casa: appunti e buone pratiche dalla giornata”, Irene Borgna, antropologa alpina e referente comunicazione progetto europeo Life WolfAlps; ore 16,30 domande del pubblico e alle 17chiusura dei lavori.

Luca Giai

© Riproduzione riservata