Susa. Aprile 1994 – aprile 2019

Era la fine di aprile del 1994, un giovane Fabrizio Ferraro iniziava la sua avventura nel mondo della bici aprendo “Nonsolobici”, negozio che conduce ancora oggi con passione e determinazione.

25 anni fa, dopo 8 anni in Abarth a seguire le vetture da rally della Lancia e quelle Alfa Romeo nel DTM, anni d’oro in entrambi i campi per le macchine italiane, al ritorno da una serie di test con l’Alfa a Jerez de la Frontera, il bivio, e qui la grande decisione. Nonostante una possibilità di seguire il suo ingegnere in un’altra squadra, rossa, tanti fattori, anche familiari, fecero propendere la scelta verso un cambiamento completo, dalle quattro alle due ruote. Fu così che il tarlo della bici, che già da un po’ lavorava, ebbe il sopravvento, anche rispetto ad un’idea di aprire un ferramenta, e nacque Nonsolobici.

Oggi, l’avventura continua, seguendo la continua evoluzione dei mezzi a due ruote che in questi anni sono notevolmente cambiati, con il crescere della componente tecnologica mentre quella meccanica non è più preponderante come un tempo, “nasco meccanico, ma mi sono adattato alle nuove tecnologie” dice Ferraro. Così dai telai in acciaio si è passati al carbonio, dai freni a pattini ai dischi idraulici, il tutto passando per i vari formati di ruote e le tipologie di bici. Un denominatore comune il trattare grandi marchi, che già da soli indicano qualità.

Una strada lunga, fatta di lavoro ma anche di pedalate, il tutto segnato da una passione molto grande, basti pensare, oltre alle innumerevoli uscite valligiane, alle ripetute partecipazioni ad alcuni eventi come la Maratona delle Dolomiti o l’Eroica.

Per festeggiare i 25 anni Ferraro ha dato una rinfrescata al negozio, nel verde di una nota casa ciclistica a lui cara da sempre, così l’avventura continua, con la consueta passione accompagnata da un po’ di pazienza nel gestire le tante, e a volte strane, richieste che riceve, ma che alla fine porta sempre a cercare di accontentare tutti. Avanti fino al prossimo traguardo.

v.a.

© Riproduzione riservata