Alla vigilia del Giorno della Memoria che si celebra ogni anno il 27 gennaio, in ricordo di quel 27 gennaio 1945 in cui le truppe sovietiche liberarono il campo di sterminio di Auschwitz, a Giaveno alcuni vandali hanno imbrattato i muri che sorgono nelle vicinanze dell’ingresso dello stadio Torta con scritte che richiamano i motti del ventennio fascista.

“Contro il sistema la gioventù si scaglia. Boia chi molla!” e ancora “Europa, nazione, Rivoluzione!”, seguito dalla sigla GN e da una croce celtica.

Le scritte sono state tracciate, presumibilmente, nella notte fra sabato 25 e domenica 26 gennaio.

“Anche questi sono i frutti della politica dell’odio degli ultimi due anni” è il laconico commento della sezione valsangonese dell’Anpi, l’Associazione dei partigiani.

Scritte fasciste Giaveno

Le scritte apparse sul muro di cinta dello stadio Torta di Giaveno

scritte fasciste Giaveno

Le scritte apparse sul muro di cinta dello stadio Torta di Giaveno

 

© Riproduzione riservata