Dallo scorso settembre, al posto dell’asilo Neverland, in via Gino 5 ha sede la Scuola del Villaggio, uno spazio che al mattino è dedicato ai più piccoli, mentre al pomeriggio i più grandicelli possono trovare un aiuto per i compiti.

E la sera? La sera, quando le normali attività chiudono i battenti, si apre lo Sportello Donna, un servizio rivolto a tutte quelle donne che sono vittime di soprusi e violenze, non necessariamente soltanto fisiche.

Abbiamo deciso di inaugurare questo spazio credendo sì di fare una cosa giusta, ma con la speranza che venisse usato il meno possibile “, spiega Magda Morelli dell’associazione Casa Penelope che, insieme a Silvia Converso, anche lei sanganese, ha avuto l’idea e gestisce lo Sportello.

In fondo, Sangano è una piccola realtà e pensavamo di essere distanti da questo genere di drammi. E invece…”. Invece da settembre a oggi sono già tre le donne che si sono rivolte a loro in cerca di aiuto, perché vittime di compagni violenti o che vorrebbero imporre alle loro consorti un ruolo subordinato.

Le donne che si dovessero trovare in immediato pericolo devono chiamare le Forze dell’Ordine o il numero dedicato nazionale 1522.

Altrimenti, se la situazione è meno grave, possono mandare una mail a sportellodonnacasapenelope@gmail.com oppure telefonare ai numeri di cellulare riportati sul manifesto. Magda e Silvia, entro qualche giorno, riusciranno a organizzare un incontro preliminare per valutare la situazione e capire con la vittima il da farsi.

Servizio su La Valsusa del 24 dicembre.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata