Solidarietà e organizzazione.

Sono queste le due parole d’ordine che stanno alla base del neonato Emporio di Mamma Margherita, inaugurato lo scorso fine settimana, all’interno del cortile dell’oratorio della parrocchia dei Santi Martiri di Sangano, dove una volta c’erano soltanto dei magazzini.

Mamma Margherita è un chiaro riferimento alla signora Occhiena, madre di Don Bosco, il cui spirito salesiano non poteva non riflettersi nella comunità sanganese, guidata da don Gianni Mazzali che proprio del Santo di Valdocco è un figlio spirituale.

“Due anni fa ci siamo affiliati al Banco Alimentare, distribuendo generi di prima necessità alle famiglie bisognose regolarmente iscritte al Banco stesso — spiega don Gianni — Viste le crescenti difficoltà economiche di molte persone, abbiamo però riscontrato una certa fatica del Banco a venire incontro ai bisogni delle persone assistite, così abbiamo deciso di rimboccarci le maniche e organizzare anche noi una raccolta di prodotti che potessero integrare i rifornimenti mensili”.

La risposta dei sanganesi, intesi sia come privati cittadini sia come piccole imprese alimentari, è stata sorprendente:

“Ogni settimana siamo in grado di distribuire non soltanto cibi a lunga conservazione, come latte, olio, pasta ecc…, ma anche alimenti deperibili — continua don Mazzali — I supermercati della zona ci permettono infatti di andare a prendere, gratuitamente, la merce deperibile con scadenza imminente”.

Servizio su La Valsusa del 3 ottobre.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata