Domenica 15 marzo, nel tardo pomeriggio, il vulcanico Gianfranco Accastello, volto noto in paese per il suo impegno in parrocchia, si è esibito al pianoforte in un improvvisato concerto che è stato registrato dal figlio e poi caricato sui social (YouTube e Facebook).

Accastello, che da qualche mese ha messo su un vero e proprio museo di pianoforti antichi, ne ha tirato fuori uno e lo ha portato nei pressi della strada 589 quasi deserta (a pochi metri da casa sua) e si è messo a suonare per un paio d’ore.

Anche questi gesti servono a dare una parvenza di normalità e a far capire che la lotta sarà dura, ma che alla fine sconfiggeremo questo maledetto virus.

© Riproduzione riservata