Possono ancora essere ritirate gratuitamente, negli uffici del Comune (via Bonino, 1), durante gli orari di apertura, le mascherine che alcune donne sanganesi stanno realizzando a casa loro, ricavandole da scampoli di stoffa messi a disposizione dalla merceria del paese o acquistati con il contributo del Rotary Club.

“La produzione, essendo casalinga, è molto limitata, per cui non possiamo, al momento, consegnarne più di una a nucleo familiare” è il commento del primo cittadino di Sangano, Alessandro Merletti.

Le mascherine, supervisionate dalla dottoressa Daniela Pilan, medico di famiglia, possono essere utili per recarsi a fare la spesa in relativa sicurezza e sono lavabili più volte e, dunque, riutilizzabili.

© Riproduzione riservata