Sabato 7 maggio, presso la Cascina Marchesa di Torino, Simone Del Dio, tesserato per lo Sci Club Bardonecchia, si è aggiudicato il premio “Gli Allenatori”, assegnato da MontagneDoc e dallo Sci Club “Giornalisti Italiani Sciatori”. Si tratta di un importante riconoscimento che premia il miglior tecnico piemontese dell’anno nell’ambito dell’evento promosso ed organizzato dal gruppo Montagnedoc. Solo pochi mesi fa, durante le Olimpiadi Invernali di Beijing, avevamo raccontato del grande risultato del suo atleta di punta Clement  Noel, vincitore della medaglia d’oro in slalom ma questo, in realtà, è stato solo l’ultimo dei tanti successi ottenuti degli slalomisti francesi durante i sei anni trascorsi sotto la guida del Tecnico bardonecchiese. Calato il sipario sulle Olimpiadi, sono iniziati i soliti giochi dello sci-mercato e, a fine stagione, Simone ha detto addio alla Francia per tornare alla Nazionale Italiana con cui aveva già lavorato prima della parentesi transalpina. Riusciamo a raggiungere Simone prima della sua imminente partenza per le meritate vacanze…

Ciao Simone, complimenti per questo importante riconoscimento e bentornato in Italia! Ci racconti del tuo nuovo incarico?

Grazie! In effetti, dopo il ciclo fisiologico dei bellissimi anni trascorsi con la squadra francese, sentivo il bisogno di nuovi stimoli e ho pertanto accolto con entusiasmo l’incarico affidatomi dalla FISI come responsabile della squadra di slalom maschile di Coppa del Mondo”.

Foto di Michele Fassinotti (AOC)

L’intervista completa su La Valsusa dì giovedì 12 maggio

© Riproduzione riservata