Cultura

A Susa parole contro la mafia ricordando Peppino Impastato

Giovanni Impastato ha concluso a Susa il suo tour in Piemonte dopo aver incontrato centinaia di ragazzi nelle scuole, amministratori comunali, sindacalisti e tanti cittadini.

Mercoledì 23 novembre, nel salone del Castello della Contessa Adelaide, ha presentato il suo libro “Mio fratello, tutta una vita con Peppino”.

Il volume ha un taglio introspettivo: l’autore racconta le vicende che, fin dall’infanzia, hanno caratterizzato la sua vita.

Accanto al fratello maggiore, Giovanni ha scoperto che suo padre era un mafioso: quand’erano piccoli i due fratelli, ospiti nella tenuta dello zio Cesare Manzella – capo clan fatto saltare in aria con la dinamite in una lotta interna alla mafia – giocavano con Luciano Liggio, boss mafioso super ricercato, autore dell’uccisione di Placido Rizzotto.

Servizio su La Valsusa del 1° dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.