Sta per partire il progetto “Zone 30”. Di cosa si tratta? Ne parliamo con il vicesindaco Andrea Cavaliere.

Zone 30 – spiega – si basa su tre punti: moderazione della velocità dei veicoli sulle strade comunali, la maggior sicurezza dei pedoni specialmente anziani e madri con i figli; riqualificazione degli spazi pubblici”.

Il progetto, redatto dall’architetto Danilo Odetto, è stato reso esecutivo nel mese di giugno e poche settimane fa, a dicembre, si è conclusa la gara da appalto. L’avvio dei lavori è previsto per il mese di marzo.

Il primo passo – spiega Cavaliere – sarà la costruzione di piattaforme rialzate per rallentare la velocità dei veicoli su via dei Caduti, in prossimità della cappella di borgata Grange e sulla strada provinciale 198. Sarà quindi messo in sicurezza l’incrocio tra via Avigliana e via Rivette con la realizzazione di un marciapiede rialzato sue queste vie partendo dalla chiesa. Tra gli obiettivi, anche quello di rendere sicuro il passaggio pedonale tra la scuola elementare di Milanere e i container, che al momento risulta un pericolo soprattutto per i bambini. Verrà poi riorganizzato il parcheggio di Via al Cerrone, in aggiunta ad un marciapiede che metterà in sicurezza la via fino all’incrocio con via Roma. Infine sarà migliorata e resa più comprensibile la segnaletica orizzontale e verticale”.

Ma il progetto non si fermerà qui.

Servizio su La Valsusa del 21 gennaio.

Enrico Goffi

© Riproduzione riservata