Avigliana

Ad Avigliana è stato ripristinato il rospodotto di via Grignetto

In previsione dell’imminente migrazione riproduttiva dei rospi e delle rane dalmatine dai boschi collinari verso le zone umide della Palude dei Mareschi, mercoledì 9 febbraio sono stati eseguiti i lavori di pulizia dei sottopassi e di ripristino delle barriere del rospodotto di via Grignetto. Si tratta del sistema di protezione costituito da reti anti-attraversamento stradale, che convogliano gli animali lungo percorsi obbligati verso i sottopassaggi, per consentire loro di raggiungere le zone di riproduzione.

«È un intervento molto importante a tutela della fauna anfibia – spiega l’assessore alle Aree verdi Andrea Remotoche conferma l’efficacia della collaborazione tra Ente Parco ed Ecovolontari in tema di salvaguardia dell’ambiente e del patrimonio naturale del nostro territorio».

L’intervento infatti è stato realizzato nell’ambito delle attività previste dalla convenzione sottoscritta il 2 febbraio 2021 tra l’Ente Parco Alpi Cozie, il Comune di Avigliana e il gruppo degli Ecovolontari, che prevede anche interventi di manutenzione e valorizzazione dei percorsi escursionistici e dei territori protetti.

«Rane, rospi, tritoni e salamandre sono animali piccoli, non belli agli occhi di alcuni, ma importantissimi per l’ecosistema» spiega Bruno Aimone, tecnico del Parco, che con Domenico Rosselli responsabile della vigilanza dell’Ente, ha coordinato l’attività svolta dal personale del Parco e dagli Ecovolontari. Si tratta di grandi divoratori di insetti fastidiosi per l’uomo come le zanzare e sono determinanti per il mantenimento dell’equilibrio ecologico. Svolgono inoltre un importante ruolo di bioindicatori della qualità ambientale.

«Purtroppo – continua Aimone – la conservazione degli anfibi è sempre di più minacciata, per l’effetto di più fattori: cambiamenti climatici con lunghi periodi di siccità, riduzione e frammentazione degli ambienti umidi in cui vivono e si riproducono, mortalità per effetto del traffico veicolare. Poiché le ore preferite dagli animali per migrare verso la palude sono quelle notturne, la scarsa visibilità non consente agli automobilisti di notare quelli che si spostano lungo la strada nelle zone non protette dalle barriere e prive di sottopassi, con la conseguenza che molti vengono schiacciati decimando la popolazione».

«Provvederemo insieme al Parco – conclude Remoto – a sensibilizzare gli automobilisti nel periodo della migrazione invitandoli a evitare il passaggio in via Grignetto nelle ore notturne, al fine di consentire l’attraversamento in sicurezza degli anfibi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.