È una ripartenza “in grande stile”, dopo lo stop imposto dalla pandemia, quella offerta al grande pubblico dal Museo Diocesano di Susa.

Si è infatti aperta sabato scorso, 10 luglio, la mostra dedicata ad Antoine de Lonhy, artista pregevole e polivalente della seconda metà del Quattrocento, attivo in Borgogna, a Tolosa e a Barcellona prima di approdare nel ducato sabaudo, che ha lasciato tracce importanti della sua opera anche in Val di Susa.

Articolo completo su La Valsusa del 15 luglio.

Anita Zolfini

© Riproduzione riservata