L’Istituto Ferrari collabora da anni con il Distretto Asl To3 e il ConISA, perseguendo l’obiettivo di rispondere alle esigenze del territorio per quanto riguarda l’educazione alla salute, la prevenzione, la corretta alimentazione, il sostegno alle fasce deboli della comunità.

Degna di nota è stata l’esperienza di alternanza scuola lavoro potenziata, che ha coinvolto i ragazzi del Ferrari nel 2017/18.

Per rispondere ad una necessità diffusa nella nostro territorio, in linea con l’evoluzione del progresso scientifico, si è pensato di istituire, oltre al liceo scientifico tradizionale, un percorso con una caratterizzazione di Liceo Scientifico a indirizzo biomedico, nel quale vengono approfondite soprattutto le discipline inerenti lo studio dell’essere umano in tutti i suoi aspetti (anatomico, fisiologico, patologico).

Questo corso di studi, presentato lunedì 2 dicembre nei locali della scuola di corso Couvert, rappresenta un’esperienza innovativa ed unica nella realtà della Valle di Susa, e si propone di introdurre gli studenti alla conoscenza di temi come la salute, la prevenzione e l’organizzazione del sistema sanitario pubblico e di offrire strumenti  che consentano loro di poter effettuare, al termine del ciclo di studi, in modo consapevole e motivato, la scelta di facoltà universitarie come quelle di medicina, scienze biologiche, scienze infermieristiche o dei corsi di laurea breve per tecnico di laboratorio, tecnico di radiologia, per fisioterapisti, ecc…

Gli ospiti ed i tecnici intervenuti, ospiti della dirigente scolastica Anna Giaccone, hanno sottolineato l’importanza di questo nuovo percorso, che mira a fornire una preparazione approfondita in campo biologico, affrontando discipline come l’anatomia e la fisiologia umana, la microbiologia e l’igiene, la biochimica e la biologia molecolare, e che si fonda su una convenzione stipulata con l’Asl TO3 e con il ConISA i quali, mettendo a disposizione dell’Istituto il proprio know-how, offrono attività di docenza e di tutoring.

Ogni anno, infatti vengono proposte, agli alunni che frequentano il corso biomedico, attività complementari all’insegnamento delle scienze da attuarsi in collaborazione con gli enti sopracitati; tali attività, oltre alle lezioni in classe, prevedono visite documentative guidate alle strutture del territorio.

L’indirizzo è rivolto anche a tutti gli studenti e alle studentesse interessati alla fisica nei suoi aspetti sia teorici che sperimentali e al suo apprendimento tramite una costante pratica di laboratorio.

Il percorso parte dalla fisica classica per arrivare alla robotica tramite la conoscenza e l’utilizzo degli strumenti di alta tecnologia presenti in istituto e utilizzabili anche in campo medico.

© Riproduzione riservata