Gli atti amministrativi non ci sono ancora ma il trasferimento del Poliambulatorio da via Philips al Movicentro sarebbe confermato.

La questione è approdata martedì 6 novembre in consiglio regionale con un’interrogazione urgente del capogruppo di Liberi e Uguali Marco Grimaldi: “Dopo il sopralluogo dei vertici dell’Asl To3 e del sindaco di Alpignano al Movicentro non abbiamo più avuto notizie – dichiarano i consiglieri regionali Marco Grimaldi e Silvana Accossato. – per questo abbiamo voluto sapere se il Comune avesse disposto gli atti per la concessione dei locali. Stando alla risposta dell’assessore alla Sanità Saitta, la decisione è presa. Ora si tratta solo di attendere un incontro del sindaco di Alpignano con Rfi e l’adeguamento dell’immobile del Movicentro che dovrà avvenire a cura dell’Asl. Ci auguriamo – concludono Grimaldi e Accossato – che il sindaco assuma in fretta gli atti amministrativi necessari, perché il territorio non può essere privato del servizio sanitario pubblico”.

A fine giugno il gruppo Liberi e Uguali si era recato in sopralluogo al Poliambulatorio di via Philips per verificarne lo stato, dopo una raccolta firme di cittadini che chiedevano di ripristinare i servizi cancellati e adeguare i locali fatiscenti.

Il sopralluogo ha evidenziato numerosi problemi strutturali: stanze piccole, mancanza di sale d’attesa, pavimentazioni da rifare, barriere architettoniche, infiltrazioni. Criticità strutturali che rendono l’edificio non più idoneo per ospitare i servizi sanitari ma il cui adeguamento avrebbe richiesto spese superiori a 300 mila euro.

La direzione dell’Asl TO3 e il Comune si sono orientati verso la ricerca di altri immobili in cui collocare il servizio, così è emersa la possibilità di utilizzare il Movicentro.

Carmen Taglietto

© Riproduzione riservata