Di solito, i sindaci stanno dietro alle tasse; in questo caso, invece, due primi cittadini, Alessandro Merletti di Sangano e Michel Bouquet di Fenestrelle, hanno consolidato la loro amicizia grazie a un tasso.

La povera bestiola in questione, infatti, era finita sotto le ruote di un’auto, nel 2013, in territorio sanganese.

Il sindaco dell’epoca, Adriano Montanaro, e l’allora capo dell’Ufficio Tecnico del Comune, l’architetto Pierangelo Roggero, decisero dunque di farlo imbalsamare (costo dell’operazione: 220 euro) e, in attesa di una collocazione migliore, lo tennero in Municipio.

“A Sangano non abbiamo però spazi adeguati, ma un po’ di tempo fa venni a sapere che al Forte di Fenestrelle si trova una discreta collezione di animali imbalsamati usata per fini didattici — spiega Merletti — Chiesi, quindi, al mio omologo se, per caso, avessero già un tasso. Michel mi disse di no, ma temeva che volessi rifilargli un esemplare mal conservato e impolverato, giusto per liberarmene. Invece, dopo averlo visto, anche lui convenne con me che si trattava di un bell’esemplare”.

Servizio su La Valsusa del 27 agosto.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata