Popolo è quando una comunità unisce le sue fibre sparse e fa la cosa giusta, tutta insieme.  Quando una comunità sospende le sue attività private per rispondere a una pubblica chiamata“.

L’ha scritto Erri De Luca pensando ai valsusini e, per ripercorrere un viaggio che ha portato una delegazione di cittadini nel cuore d’Italia, non si può che far riferimento a una così pertinente definizione. Certo, qualcuno potrebbe obiettare che la “cosa giusta”, in questo caso, è relativa, eppure dove c’è dialogo non può che esserci un fondo di verità.

Da questi principi ha preso vita Ama la Terra come te stesso, convegno organizzato dal gruppo Cattolici per la vita della Valle, dal Presidio Europa e dal Controsservatorio Valsusa nell’ambito delle iniziative de Il Grande Cortile. Significativa la sinergia con il comune di Assisi che, tra il 6 e il 7 aprile, ha accolto senza polemica alcuna la bandiera No Tav e l’ha lasciata sventolare libera.

Due giorni di condivisione in cui laici e religiosi hanno affrontato il tema del degrado ambientale, aprendo un confronto sulle azioni da intraprendere per migliorare le precarie condizioni di vita del pianeta partendo dall’analisi dell’enciclica Laudato si, scritta da Papa Francesco.

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 11 aprile.

Alessia Taglianetti

Convegno Assisi

La bandiera No Tav all’ingresso del comune di Assisi

© Riproduzione riservata