C’erano anche i giovani dell’Oratorio di S.Antonino ieri, domenica 1° dicembre, tra le migliaia di Babbi Natale che hanno invaso Torino sfidando la  pioggia e le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico in via Nizza.

Elena Gallo, provetta fotografa nonchè animatrice dell’Oratorio, ci invia quelli che lei stessa definisce “alcuni scatti, umidi, ma con il cuore caldo per l’emozione vissuta. Abbiamo ricevuto messaggi che hanno arricchito il nostro cuore. Vedere quelle manine salutare dalla finestra è stato davvero commuovente. Iniziare l’avvento in questo modo per noi è stato importante. Lo spirito era quello giusto. La  pioggia e la … bomba non ci hanno fermato e anzi abbiamo tirato i nostri sorrisi per quei bambini”.

La partecipazione al Raduno dei Babbi Natale è stata, spiega Elena Gallo, “è stata la prima iniziativa del nuovo oratorio notturno di Sant’Antonino dedicato ai ragazzi dalla prima alla quinta superiore,che hanno partecipato con entusiasmo e grande spirito”.

Il Raduno è stato organizzato, per la decima volta, dalla Fondazione Forma a sostegno dell’Ospedale Infantile Regina Margherita. Quest’anno i fondi raccolti saranno destinati alla ristrutturazione del reparto di Nefrologia, Gastroenterologia e Trapianti.

© Riproduzione riservata