La delibera regionale sulla qualità dell’aria fa discutere. In sostanza la Regione ha obbligato i comuni sopra i diecimila abitanti ad applicare le nuove disposizioni anti-inquinamento.

Le limitazioni alla circolazione del traffico – dice il sindaco Andrea Archinàsono state imposte dalla Regione che ha esteso anche a Avigliana i divieti previsti fino all’anno scorso nei comuni della cintura. Sebbene l’Amministrazione abbia dissentito formalmente su questa scelta, anche considerato il nostro contesto territoriale e le minime offerte dei servizi di Trasporto Pubblico Locale, l’obbligo di adeguarsi ci ha sollecitato ad aderire al sistema Move-in. Invitiamo quindi, tutti i cittadini a visionare sul sito della Regione Piemonte sia la disciplina delle limitazioni sia quella delle agevolazioni previste”.

Per i possessori di auto Diesel e a benzina euro 0 – 1 – 2, Gpl e metano euro 0 e 1 che non vogliono rottamare l’auto, possono installare il sistema Move-in, che consente comunque la circolazione per un certo numero di chilometri annuali con un limite che varia a seconda della tipologia del veicolo.

Il sistema costa 50 euro il primo anno e 20 euro per gli anni successivi. Inoltre occorre tenere presente che giornalmente l’Arpa segnala ai comuni la qualità dell’aria e se si superano i parametri di inquinamento previsti, in particolar modo nel periodo invernale, scattano misure temporanee con il semaforo arancione e semaforo rosso.

La misura entra in vigore dal 15 settembre al 15 aprile, con il divieto di circolazione nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 dei veicoli euro 3 e euro 4 e motocicli euro 0 e euro 1; ci sono alcune deroghe per casi particolari o se si installa il sistema Move-in. Si ricorda anche il divieto per tutti i veicoli di sostare con il motore acceso. Inoltre, nello stesso periodo, esiste l’obbligo di utilizzare pellet certificato A1 e il divieto di bruciare materiale vegetale.

Per i dettagli si può consultare il sito del Comune.

E.M.

© Riproduzione riservata