Si è tenuta la mattina di venerdì 20 aprile la presentazione della stagione culturale 2018 della Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso, a dieci mesi dalla riapertura seguita ai restauri. In rappresentanza della Fondazione Ordine Mauriziano, ente proprietario del bene, è intervenuta la dirigente Marta Fusi, che ha annunciato lo studio di un riallestimento della chiesa di concerto con la Soprintendenza. “Vogliamo far conoscere di più questo gioiello – ha affermato la Fusi – e per questo abbiamo siglato una convenzione con il Castello di Rivoli per far sì che chi si presenta con il biglietto dell’altro bene abbia diritto a uno sconto; inoltre, stiamo lavorando in questa direzione anche con altre realtà”. La gestione della stagione culturale è stata affidata alla società Artemista, che dal 2005 si è occupata del coordinamento dei servizi di prenotazione, accoglienza e visita guidata al Castello e Parco di Racconigi. Il calendario delle attività è in pieno svolgimento e si rivolge a diverse tipologie di pubblico includendo visite, laboratori, passeggiate, concerti. Tra le proposte più particolari vi sono quelle dedicate alle famiglie; ad esempio, martedì 1 maggio alle 11 si terrà “Il monaco e il pellegrino: visita tematica e passeggiata”, un tour a tema incentrato sulla vita in abbazia, la sua organizzazione e il mondo che la circonda. Vi sono poi le proposte didattiche “Sant’Antonio di Ranverso dai tanti (ris)volti”, diverse chiavi di lettura declinabili in linguaggi e informazioni mirati alle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado. In particolare L’abbazia sulla Via Francigena: il monaco e il pellegrino; l’ospedale, i semplici e il loro giardino; gioca con i Fanti.. ed anche con i Santi. Da segnalare che gli istituti scolastici di Rosta e Buttigliera Alta non pagano il biglietto di ingresso.

Sara Ghiotto

© Riproduzione riservata