Il fatto che la sua pasticceria sia stata dichiarata la migliore d’Italia dalla Guida 2022 del Gambero Rosso lo inorgoglisce, ma soltanto fino a un certo punto.

Non è un traguardo, anzi, direi che è un punto di partenza, il segno che la strada intrapresa è quella corretta e che con i giusti compagni di viaggio, mia moglie Monica e i miei collaboratori, si può andare ancora più lontano”, dice Alessandro Dalmasso, nell’anno d’oro che lo ha visto più volte sul tetto del mondo, quando si parlava di dolci.

Non può dunque mancare un suo commento circa il dolce per eccellenza del Natale: il panettone.

Da molto tempo amiamo sperimentare, proponendo ai nostri clienti alcune rivisitazioni del panettone classico che pure continuiamo regolarmente a produrre in questo periodo”, spiega Dalmasso.

Accanto al tradizionale panettone milanese (quello più semplice, con i canditi) e alla sua variante piemontese “nocciolata”, la pasticceria di Avigliana propone infatti un dolce natalizio con i marron glacé e con le “due vaniglie” (Tahiti, dal sapore e dal profumo più… floreali, e Madagascar, dal gusto più secco).

La Val di Susa ha una grande tradizione in fatto di marroni e ci è sembrato giusto esaltarla con questo prodotto, ideato circa 4 anni fa”.

Più antica è invece la ricetta del “Pan Gianduja”, panettone piemontese all’ennesima potenza: nell’impasto, infatti, parte del burro è sostituita da una purea di nocciole a cui vengono aggiunte delle golose gocce di cioccolato fondente. “Può sembrare strano, ma non è così dolce come si potrebbe pensare. Ha un gusto molto equilibrato”, commenta il suo inventore.

Chi proprio detesta l’uvetta ha fornito lo spunto, già diversi anni fa, per inventare il panettone agli agrumi, con il bergamotto, il limone e il mandarino, mentre al nocciolato già citato si aggiunge, volendo, anche la variante al Moscato d’Asti.

Insomma, nonostante sia una piccola pasticceria artigianale, Dalmasso offre una serie pazzesca di “modelli” di panettone a cui si aggiunge il pandoro, anch’esso rigorosamente prodotto dalla a alla zeta ad Avigliana.

© Riproduzione riservata