L’asilo “Domenica Bruno vedova Picco” di piazza Conte Rosso compie 147 anni ed è un’istituzione di Avigliana che ha visto passare generazioni di aviglianesi. Una tradizione che si tramanda di padre in figlio e ha potuto proseguire negli anni grazie alla volontà dei volontari che portano avanti quel documento firmato l’8 luglio 1871. In tutti questi anni, è stato presente e ha svolto il suo servizio ininterrottamente a favore della popolazione di Avigliana svolgendo un ruolo molto importante, al momento indispensabile per sopperire alle numerose richieste della città. E’ riconosciuto e apprezzato non solo dagli enti pubblici con cui è convenzionato, ma soprattutto dalle famiglie che continuano ad affidargli i loro piccoli. L’asilo è nato per volontà di alcuni aviglianesi e ha potuto operare in tutti questi anni, grazie al passaggio del testimone, senza farsi troppe domande, confidando nella provvidenza. Negli anni, iniziando dal 28 ottobre 1876, l’asilo ha avuto come insegnanti le suore della Piccola Casa della Provvidenza di Torino che sono rimaste fino al 1981. Il 21 dicembre 1978, con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, l’asilo è stato inserito tra quegli enti da escludere dal trasferimento ai comuni, perché svolgono attività inerenti alla sfera educativa religiosa. Nel 1984, grazie alla generosità del notaio Giovanni Picco, già presidente dell’associazione Asili di Torino, è stato ristrutturato il fabbricato, occupando l’area lasciata libera dalle suore, e lasciando l’area non più utilizzata in uso alla scuola, in comodato trentennale al Centro sociale Picco, nato per volontà del notaio, e posto sotto vigilanza della Parrocchia di San Giovanni. In seguito il Notaio destinò un lascito di 100milioni per la continuità della Scuola. Nel 1986 il direttivo dell’asilo dedicò la struttura in ricordo della mamma del notaio, chiamandola “Scuola dell’infanzia Domenica Bruno vedova Picco”. Il 18 novembre 1991, la giunta regionale riconosce la personalità giuridica di diritto privato, approvando lo statuto ancora in vigore. L’ultimo tappa di questo lungo cammino, verso il pieno riconoscimento di scuola pubblica e autonoma è stato il decreto di nomina a scuola paritaria, ottenuto in data 28 febbraio 2001. Oggi l’asilo, seguendo l’evoluzione dei tempi che ha rivoluzionato il mondo della scuola è cambiato, proponendo ai piccoli ospiti, educazione, creatività, insegnamento lingue straniere, istruzione prescolastica nel rispetto dell’orientamento educativo dei genitori.

E.M.

 

© Riproduzione riservata