MotivexLab è un’azienda aviglianese con 17 dipendenti che si occupa di prove distruttive e test sui materiali metallici (le prove non distruttive vengono invece effettuate in un’altra sede, a Chivasso), principalmente per il comparto automotive ma non solo.

Il codice Ateco di MotivexLab ha permesso all’impresa guidata da Paolo Pollacino ed Elisabetta Ruffino di rimanere aperti sempre, seppure con commesse e personale ridotti.

“Marzo è stato un mese abbastanza normale per noi, mentre aprile, non possiamo negarlo, ha visto un crollo delle richieste — spiegano Pollacino e Ruffino — In quel periodo, l’automotive si è contratto drasticamente, ma abbiamo continuato a fare analisi e test per apparecchiature medicali e anche per tutti quei settori legati alla ricerca e allo sviluppo delle aziende; un esempio su tutti è rappresentato dalle analisi che abbiamo condotto su alcuni prototipi di auto elettriche. L’innovazione non si ferma nemmeno al tempo del Covid. Dall’inizio di maggio stiamo tornando lentamente alla normalità”.

Servizio su La Valsusa del 21 maggio.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata