All’inizio dell’ultimo Consiglio comunale aviglianese, il sindaco Andrea Archinà ha fatto il punto sulla sanità, non mandandole certo a dire.

Vogliamo evidenziare la drammatica situazione delle istituzioni regionali preposte a gestire sanità e trasporti, macchia indelebile sulla capacità di governo dell’attuale Giunta regionale. Non vogliamo far tornare alla memoria i mesi primaverili, dove l’incapacità di gestire la pandemia si poteva giustificare con l’impreparazione ad affrontare una situazione senza precedenti nel nostro recente passato. Ma è evidente che, dall’evoluzione nei mesi successivi, sono state colpite maggiormente quelle regioni dove la privatizzazione della sanità ha pregiudicato quella sanità territoriale ritenuta fondamentale per arginare la diffusione del virus”.

Ad inizio settembre, con l’avvicinarsi delle attività scolastiche, non si è pensato ad affrontare la grave carenza dei trasporti, che ha obbligato pendolari e studenti a viaggiare su mezzi affollati come negli anni precedenti, nonostante tutte le attività lavorative siano state spostate con lavoro da casa.

Servizio su La Valsusa del 10 dicembre.

E.M.

© Riproduzione riservata