Bardonecchia è tra i dodici piccoli Comuni italiani che hanno aderito al programma ‘Smarter Italy‘ promosso dal Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, dal Ministro dell’Università e della ricerca Gaetano Manfredi e dalla Ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano, per realizzare servizi innovativi nei settori della mobilità, dell’ambiente, del benessere dei cittadini e della cultura.

Alghero, Bardonecchia, Campobasso, Carbonia, Cetraro, Concorezzo, Ginosa, Grottammare, Otranto, Pantelleria, Pietrelcina e Sestri Levante sono i 12 Comuni selezionati (sotto i 60.000 abitanti) per diventare “Borghi del Futuro“. I loro territori saranno laboratori di sperimentazione di tecnologie di frontiera applicate ai servizi per i cittadini.

Le aziende che verranno selezionate avranno a disposizione un importo complessivo di 90 milioni di euro per lo sviluppo di soluzioni innovative, non presenti sul mercato ed elaborate sulla base delle esigenze delle amministrazioni comunali.

Mi congratulo con il Sindaco di Bardonecchia Francesco Avato per essere entrato in questo progetto nel quale Uncem ha creduto insieme con il Ministro Pisano – afferma il Presidente Uncem Piemonte, Roberto ColomberoCostruire nuove soluzioni per borghi intelligenti è rilevante in questa fase complessa per il Paese intero, nella quale sappiamo che dai borghi già oggi partono soluzioni innovative per rispondere alle esigenze delle comunità nella riorganizzazione dei servizi e per lo sviluppo economico e sociale. I borghi innovativi, smart, non devono essere soli ma devono essere un modello per tutti. Le cose che verranno fatte a Bardonecchia e negli altri undici borghi selezionati dal Piano devono essere replicabili. E devono avere al centro la rigenerazione e la rivitalizzazione dei territori“.

© Riproduzione riservata