Smart working in rifugio. È l’ultima proposta di Marco Ghibaudo che da sei anni gestisce il rifugio alpino “Pier Gioacchino Toesca”.

Così a partire da questa metà di maggio ai 1710 metri del Pian del Roc si potrà lavorare tranquillamente al pc in un paesaggio mozzafiato grazie al wi-fi di Banda Blu e ad una centralina idroelettrica da 5 kilowatt sul rio Gerardo.

Il rifugio Toesca è così il primo del Piemonte ad aderire al progetto di smartrekking, che rappresenta un nuovo stile di vita che unisce lo smart working al trekking.

Articolo completo su La Valsusa del 13 maggio.

Luca Giai

© Riproduzione riservata