La Mela a  Caprie ha rischiato ma alla fine ha vinto, sconfiggendo la pioggia che, fin dalle prime ore del mattino, ce l’ha messa tutta pur di guastare la festa. Lo dice anche Piero Martin, vero e proprio regista di domenica 10, la giornata dedicata a “La Mela e dintorni”: “Mi hanno telefonato perfino da Montà d’Alba. Erano alcuni espositori indecisi se partire o no alla volta della fiera di Caprie. Li ho rassicurati e, visto che poi il tempo è migliorato, credo proprio di aver fatto bene”.  Alla fine la scommessa è stata vinta. La pioggia ha cessato di cadere, non si è visto il sole e una tipica giornata novembrina, per fortuna mite anche se uggiosa, ha accompagnato la mostra mercato e le varie iniziative che hanno coinvolto i visitatori, numerosissimi, accorsi ai piedi del Caprasio. Nell’aria, inconfondibile, un gradevole aroma di frittelle e di dolci. E poi loro, le mele della piana di Caprie-Novaretto, presenti in quantità industriale sui banchi della piazza.

Per il concorso dei dolci al gusto di mela, primo posto a Francesca Scicolone seguita (con un punto di distacco) da Tiziana Pollutri, al terzo posto Katiuscia Rocci.

Servizio sul numero de La Valsusa di giovedì 14 novembre

© Riproduzione riservata