Sabato 30 marzo alle 10,30 la sala consigliare di via Alpignano 48 sarà intitolata al Procuratore Bruno Caccia.

Da un’idea del Consiglio Comunale dei Ragazzi, immediatamente sposata dall’amministrazione, e dall’associazione Calabresi di Alpignano-Caselette l’intitolazione vedrà gli interventi di Paola Caccia, figlia del Procuratore ucciso dalla mafia, del sindaco Pacifico Banchieri, di Nino Boeti, presidente del Consiglio regionale del Piemonte, di Giuseppe Panico, dirigente scolastico reggente dell’istituto comprensivo caselettese, di Giovanni Impastato, fratello di Peppino, e Pasquale Lo Tufo, presidente dell’associazione Calabresi di Alpignano-Caselette.

© Riproduzione riservata