Ormai è chiaro: nonostante la crisi del settore artistico dovuta alla pandemia, l’ispirazione e la voglia di continuare a coltivare i propri talenti non si lasciano frenare. La musica è uno dei tanti mezzi con cui comunicare i propri sentimenti, le proprie aspirazioni, i propri pensieri, che mai come nel silenzio della quarantena si fanno sentire a volume alto nella testa. Martino Bisetti, giovane aviglianese conosciuto dai fans e dalla Val di Susa con il nome d’arte Psicotino, rientra nella categoria dei musicisti che hanno trovato la voglia e la forza di non arrestarsi, raccontando in musica il periodo che stiamo vivendo secondo la propria visione delle cose. Il 29 dicembre ha fatto uscire sulle piattaforme musicali digitali il suo nuovo singolo “Cloudy Day“, un brano che a livello di genere musicale si colloca tra il post-grunge, il pop e l’alternative rock. Conosciamo meglio l’artista e il suo nuovo singolo.

Come e quando ti sei approcciato al mondo della musica? Qual è stato il percorso musicale negli anni che ti ha portato a comporre il tuo nuovo singolo “Cloudy Day”?

“A undici anni mi sono avvicinato alla chitarra elettrica, innamorandomi del metal e del punk-rock e prendendo lezioni di blues per tre anni”, racconta Psicotino. “Durante il periodo delle scuole superiori suonavo per puro piacere personale e non sentivo la necessità di sfogarmi artisticamente e di condividere la mia musica con altre persone. Il mio interesse per la musica elettronica é comunque nato con la dubstep, genere per cui ho lasciato parti del mio cuore e che ho imparato a conoscere durante un lavoro di promoting che facevo a diversi eventi.

Alla trap mi sono approcciato dopo, verso i diciannove anni, e da lì in poi ho deciso di iniziare a pubblicare musica sulle piattaforme digitali. Negli ultimi due anni ho principalmente investito tempo e risorse per crearmi un home-studio, in modo tale da essere in grado di registrare e produrre musica sia per me che per altri artisti e amici”. 

Di cosa parla il nuovo singolo Cloudy Day? Cosa ti ha portato a comporlo?

“Cloudy Day è il frutto del disagio che siamo stati costretti a vivere negli ultimi mesi, un disagio accentuato dal fatto che le nostre possibilità di conoscere gente nuova, di fare esperienze uniche insieme ad altre persone, sono state limitate a causa della pandemia e ci hanno spinto a perdere la capacità di empatizzare”, spiega il musicista aviglianese. “Proprio per sottolineare questo bisogno di empatia e amicizia, ho fatto fare la seconda strofa ad uno dei miei migliori amici, Licari, anch’egli musicista, che con il verso “su strade percorse di rabbia cerchiamo di andare d’accordo” é riuscito ad intendere ancora meglio il messaggio di fondo del brano. Il video l’ho girato con la Sub Kidz production, due miei amici molto bravi con cui ho elaborato questa “storia parallela” che abbiamo poi tradotto in immagini. Essendo una specie di cortometraggio ci terrei che tutti lo guardassero per goderselo fino alla fine”.

Il videoclip del nuovo singolo di Psicotino è reperibile su Youtube. Dopo l’uscita di Cloudy Day, Psicotino ha in serbo progetti più ambiziosi: tra febbraio e marzo farà infatti uscire il suo album Starlink, con cui sbarcherà anche su Spotify.

Ilaria Genovese

Foto in evidenza di Matteo Giovinazzo.

© Riproduzione riservata