“Una delle peggiori stagioni invernali degli ultimi vent’anni. Non siamo riusciti ad aprire le due piste in alto, la rossa e la nera, neppure per un giorno, solo il baby. Un record in negativo”.

È l’amaro commento di Claudio Ruffino, amministratore della piccola stazione sciistica di Pian Neiretto.

Una stagione tra le più avere di sempre come neve, diametralmente opposta a quella dell’anno scorso: la prima imbiancata a dicembre non è stata sufficiente per aprire la sciovia sopra Forno di Coazze che, per poter vedere i primi sciatori sulla pista più facile, il baby, l’unica dotata di cannoni sparaneve, ha dovuto aspettare il weekend dell’Epifania.

Articolo completo su La Valsusa del 7 marzo.

Anita Zolfini

© Riproduzione riservata