Lavorare a distanza immersi nella natura d’alta quota a breve si potrà anche in Val Sangone.

I gestori del rifugio Fontana Mura, nel Vallone del Sellery, hanno infatti aderito al progetto di smartrekking, una nuova iniziativa che unisce lo smartworking (il lavoro a distanza, con il computer) lontano dalle mura domestiche al trekking.

In questo caso in rifugio: al Fontana Mura la connessione radio a 12-15 Mbps e giga illimitati permette di lavorare da remoto con la stessa velocità dell’Adsl, il ripetitore wifi da esterno consente di lavorare sia al chiuso sia all’aperto, mentre l’elettricità viene fornita da turbine idroelettriche, quindi ricaricare i dispositivi è possibile ed è davvero poco inquinante.

Articolo completo su La Valsusa del 20 maggio.

© Riproduzione riservata