A Natale puoi fare quello che non puoi fare mai…

Così recita il famoso refrain che spesso ascoltiamo durante il periodo natalizio. E invece, mai come quest’anno, il Natale è stato all’insegna delle limitazioni, e tutte le cose che normalmente eravamo abituati a fare sono diventate improvvisamente proibite, vietate, talvolta concesse giusto per venirci un po’ incontro e non stravolgere del tutto la nostra normalità.

È stato un Natale diverso per tutti, anche per noi che qui al Colibrì alle limitazioni siamo abituati. Ma non tutto il male viene per nuocere, così abbiamo compensato le limitazioni con la creatività, inventandoci un Natale tutto nostro.

Abbiamo costruito un grande albero di cartone pieno di colori sgargianti e luci colorate e lo abbiamo messo al centro della stanza. Abbiamo dipinto il nostro presepe sui vetri delle finestre del salone. Abbiamo cucinato un super pranzo di Natale a base di agnolotti fatti con le nostre mani. E poi i biscotti, naturalmente, visto che in questo periodo ai dolci non si può rinunciare.

E poi sotto al grande albero abbiamo messo tanti regali, perché le persone che ci vogliono bene, nell’impossibilità di incontrarci personalmente, non ci hanno fatto mancare un loro pensiero. E così ci siamo riscoperti bambini a scartare i regali di fronte al grande albero al centro della stanza, ci siamo emozionati (addirittura è scesa qualche lacrimuccia) di fronte al dono tanto atteso o al pensiero di chi quel dono ce lo aveva fatto.

E pur se i nostri pensieri erano rivolti a loro, ai nostri cari che ci erano vicini pur stando lontani, abbiamo riscoperto, o per meglio dire rafforzato, il nostro senso di comunità, di gruppo, trascorrendo il Natale tutti insieme per la prima volta.  Festeggiando qui, a casa nostra, invece che al ristorante o a casa di parenti o amici.  Noi al Colibrì ci siamo inventati un Natale tutto nostro, un Natale coi fiocchi. Non quelli di neve purtroppo…  per quelli, forse, andrà meglio la prossima volta.

A presto!

Siamotutticolibrì

© Riproduzione riservata