Giornate Fai d’Autunno, un appuntamento a livello nazionale, una grande opportunità per visitare 700 luoghi inaccessibili o poco valorizzati in 260 città.

Un’occasione importante alla quale il Gruppo Fai Valsangone ha risposto proponendo per questo weekend due visite in due località del territorio: a Giaveno all’antico “Mulin du Detu”, a Forno di Coazze alla Miniera di Talco di Garida.

Dopo il successo riscosso durante le Giornate Fai d’Autunno 2018 dedicate all’Acqua del Re all’Acquedotto di Sangano e all’edizione primaverile 2019 dal titolo “Il Bronzino Ritrovato” presso il Comune di Reano, il presidente Flavio Polledro, con un lavoro di squadra del gruppo e con l’attivazione di collaborazioni esperte e dei Comuni interessati, aprirà ai visitatori due luoghi particolari, di storia e di lavoro: il Mulino di via Beale 8, a Giaveno, risalente al 1218, già mulino abbaziale, è il più grande della valle ed è stato riaperto solo qualche anno fa e la Miniera di Garida, con le prime escavazioni di talco effettuate già nella prima metà dell’800 e fino al 1968, quando chiuse poiché il materiale estratto era insufficiente a compensare i costosi lavori di estrazione.

Servizio su La Valsusa del 10 ottobre.

Alessandra Maritano

© Riproduzione riservata