È un pianista appassionato di quei “compositori la cui spiritualità è attenta anche ai bisogni dell’uomo: Bach, Mozart, Beethoven e soprattutto Rachmaninov” il nuovo dirigente dell’Istituto Comprensivo “Coazze”, il prof. Claudio Antonello D’Antoni.

Nominato una decina di giorni fa, D’Antoni, fino ad allora, non sapeva nemmeno dove fosse la Val Sangone, ma non si è perso d’animo e, accettato l’incarico, è arrivato in Piemonte da Roma.

Classe 1962, originario di Caltanissetta, D’Antoni si è diplomato in pianoforte al Conservatorio di Palermo, si è laureato in Dams a Tor Vergata (Roma), ha un dottorato dal nome lunghissimo conseguito all’Università Cattolica di Milano, ha ottenuto un master all’Università telematica Niccolò Cusano e insegna dal 1980.

Al suo attivo ha anche la pubblicazione di una decina di libri che trattano argomenti legati alla Musica e alla sua critica.

Dal primo settembre ha preso in mano le redini di un I.C. che non ha un proprio preside da due anni.

Articolo completo su La Valsusa del 5 settembre.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata