Con i colori dell’autunno che dipingono le montagne e la natura, con le foglie che iniziano cadere è arrivata, lo scorso fine settimana a Condove, per la trentesima volta, la Fiera della Toma.

Ed è stata semplicemente perfetta sotto ogni punto di vista – commenta il sindaco Jacopo Suppo al suo primo approccio con questo appuntamento in fascia tricolore -. Organizzazione , impiantistica , stand , ospiti , musica , eventi , coordinamento, tutto è andato per il verso giusto con una perfetta messa a punto e gestione da parte di Comune e Pro Loco per la riuscita dell’evento “.

Già, perché ormai, di fatto, “la Fiera della Toma  é la vera festa di Condove. Richiede sempre uno sforzo organizzativo immenso, e per questo dobbiamo ringraziare l’energia della Pro Loco capitanata da Paulin Montanaro”.

Ed è proprio Paolo Montanaro, domenica pomeriggio prima delle premiazioni, sul palco, a dire: “È sempre un’emozione essere qui . Ringrazio tutti quanti hanno collaborato. Solamente uniti si riesce a dar vita a un evento come questo”.

Così la XXX Fiera della Toma va in archivio. Tantissimi gli espositori, dai produttori di Toma e delle altre delizie del territorio, alle associazioni, alle organizzazioni di volontariato.

Im fiera poi si è fatta vedere anche la ex sindaca Emanuela Sarti: “Dopo 5 anni vissuti da sindaco (preceduta da altri 5 da assessore) so bene cosa c’è dietro a questo evento: tantissimo lavoro, un bel po’ di ansie, capacità di affrontare i molti problemi dell’ultimo minuto. Domenica, finalmente, ho potuto “assaggiare” la Fiera della Toma 2019 da semplice cittadino, in relax, attratta dalle mille opportunità di acquisti di meravigliosi prodotti locali. Da operatore della promozione turistica del Piemonte, posso dire gli organizzatori di questo evento danno un contributo fondamentale all’economia e alla cultura tradizionale del territorio”.

© Riproduzione riservata