Sabato 27 novembre, in occasione del trentennale dalla scomparsa del noto alpinista condovese Gian Carlo Grassi, l’Amministrazione Comunale di Condove, in accordo con la famiglia e in collaborazione con l’associazione condovese Gruppo 33 hanno organizzato una giornata volta a celebrarne la vita.

Gian Carlo Grassi, un uomo stimabile dal grande fervore per l’alpinismo e per le scalate, pioniere dell’arrampicata su ghiaccio. Furono proprio le cascate di ghiaccio a strapparlo alla vita il 1° aprile 1991, a soli 44 anni, dopo essere salito sulla cascata di ghiaccio Torre di Luna, presso i Monti Sibillini.

La giornata a lui dedicata ha avuto inizio alla borgata Molere di Condove, luogo in cui sono presenti dei massi di granito che aveva scoperto personalmente e su di essi aveva tracciato le vie d’arrampicata. Il Comune di Condove ha così deciso di inaugurare  tre pannelli posizionati in corrispondenza dei tre massi: uno collocato alle Molere e due in prossimità della Grangetta. Ogni pannello riporta i nomi che Gian Carlo aveva assegnato a tutti i passaggi di presa, una breve biografia e delle fotografie.

Articolo completo su La Valsusa  di giovedì 2 dicembre

 

 Eloisa Giannese

© Riproduzione riservata