Abitate in una frazione e avete uno o più figli che vanno a scuola con lo scuolabus messo a disposizione dal Comune? Sappiate che, presto, dovrete pagare tutti i viaggi, fino all’ultimo centesimo e che il Comune non potrà più attingere al bilancio comunale per garantirvi tariffe abbordabili.

Succederà dappertutto. Lo spiega Jacopo Suppo, neo sindaco di Condove, alle prese con la questione: “E’ successo – racconta – che un sindaco, colto da un dubbio, ha interrogato la Corte dei Conti. E’ corretto che i Comuni che hanno lo scuolabus si sobbarchino parte degli oneri alleggerendo il carico dei costi per le famiglie?”. Risposta della Corte dei Conti: no, non è corretto. Le famiglie mandano i loro figli a scuola con lo scuolabus? Se lo paghino tutto loro.

Se le cose non cambieranno dovrà fare così anche Condove. “Il servizio costa 25 mila euro all’anno e di questa cifra, solo 4 mila sono a carico delle famiglie. Se dovranno sobbarcarsi l’intero onere faremo prima ad annullare il servizio”

Per ora, quello della Corte dei Conti, è solo un parere ma, se non capiterà nulla, potrebbe presto essere trasformato in legge.

Articolo completo su La Valsusa del 25 luglio.

Bruno Andolfatto

© Riproduzione riservata