Bassa Valle

Condove: ritorno in classe fra dubbi e preoccupazioni

Le vacanze natalizie sono terminate ed i cancelli delle scuole piemontesi si sono riaperti. Nonostante le perplessità e le incertezze, lunedì 10 gennaio il suono della campanella ha richiamato gli studenti che hanno varcato la soglia con zaini, mascherine e nuove regole.

Il decreto del 5 gennaio ha stabilito nuove misure per la gestione dei contagi in ambito scolastico.

Abbiamo ascoltato le opinioni e i dubbi di alcuni genitori davanti alla scuola primaria “Bertacchi” di Condove:

“Siamo felici di questo rientro – hanno detto alcuni genitori – i bambini dopo le vacanze avevano voglia di ritornare in aula e la nostra speranza è che possano fare sempre lezioni in aula senza dover ricorrere alla Dad.”

Ma se davanti alla primaria la piazza era gremita di bambini e genitori pieni di speranza e voglia di normalità, davanti alla secondaria Gian Francesco Re la situazione è apparsa più complicata; tanti i ragazzi che non sono potuti tornare in classe a causa della positività al Covid-19 e della quarantena.

“Nella classe di mia figlia sono in venti ed oggi i presenti erano soltanto tredici – ha raccontato un genitore – ieri sera nel gruppo WhatsApp della classi molti hanno scritto di essere in quarantena”

Articolo completo su La Valsusa di giovedì 13 gennaio.

 Eloisa Giannese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Visualizza l'informativa privacy. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.