Febbre altalenante, tosse, nel mio caso anche bronchite e difficoltà a respirare. Questi i sintomi che abbiamo accusato sia io sia la collega Anita Zolfini all’inizio di febbraio.

Il Covid-19 era stato scoperto e annunciato al mondo da alcune settimane. Sicuramente serpeggiava già da prima della sua scoperta, sconosciuto e sottovalutato, anche nelle nostre città. Pareva tuttavia un virus lontano, destinato a “spegnersi” prima di allontanarsi dall’Asia, un po’ come fecero la Sars e la Mers all’inizio degli anni Duemila.

Un “gancio” ci ha permesso di conoscere il dottor Pietro Digirolamo, chirurgo alla clinica San Luca di Pecetto con un passato al San Giovanni Bosco, ma soprattutto attuale direttore sanitario dell’Asilo Notturno Umberto I di via Ormea 119 a Torino.

Da tempo, il dottor Digirolamo esegue test sierologici rapidi a tutte quelle persone senza fissa dimora che domandano di essere ospitate nel dormitorio e a tutti coloro che, in serie difficoltà economiche, chiedono una prestazione medica o odontoiatrica.

Digirolamo Torino

Il dottor Pietro Digirolamo

 

Abbiamo fatto anche noi il test (della durata di circa mezz’ora, prelievo di sangue venoso compreso) e il risultato è stato negativo per entrambi: non siamo venuti in contatto con il Sars-CoV-2, più familiarmente noto come “Coronavirus”. Quella che ci aveva colpiti a febbraio, dunque, era una normale influenza.

Il funzionamento del test rapido o “della saponetta” (che assomiglia a un test di gravidanza) è abbastanza semplice: lo strumento utilizzato, che ricorda, appunto, una piccola saponetta, è in grado di riconoscere sia le IgM sia le IgG specifiche per il Coronavirus presenti nel siero.

La prima sigla indica gli anticorpi prodotti nei giorni immediatamente successivi all’infezione, mentre la seconda si riferisce agli anticorpi che compaiono a malattia conclusa e sono il segno che il corpo ha sconfitto il virus, anche se è bene specificare che la loro presenza non è garanzia di immunità alla malattia.

Servizio su La Valsusa del 14 maggio.

Alberto Tessa

© Riproduzione riservata