Appena ieri eroi in trincea e anche all’assalto, contro il coronavirus, ed oggi già dimenticati appena passata (o attenuatasi) la bufera.

Sono gli infermieri, che mercoledì 20 maggio si sono ritrovati in piazza Castello a Torino, per protestare e difendere i loro diritti contrattuali.

Molti erano avvolti nei sacchi neri dell’immondizia, a ricordare le tute di protezione con cui erano stati costretti a difendersi all’inizio dell’epidemia.

Quali sono stati i motivi di questa protesta? Ce li illustra Silvia Fazio, giovane infermiera originaria di Sant’Antonino, da dodici anni in forza all’ospedale delle Molinette di Torino, reparto di Chirurgia toracica.

Silvia è rimasta sempre legata alla valle, dove ha frequentato il liceo di Bussoleno e per un breve periodo ha anche collaborato con La Valsusa.

Servizio su La Valsusa del 28 maggio.

Giorgio Brezzo

© Riproduzione riservata